ATTIVITA' SVOLTE

Dal 1992 al 2000 ha lavorato presso il Dipartimento di Fisiopatologia Clinica dell' Università di Firenze. Dal 2001 lavora presso la Presidenza della Facoltà di Medicina e Chirurgia della stessa Università.
Negli anni 1993/94 la sua attività, inserita all'interno di un progetto di ricerca riguardante l'integrazione di immagini di tipo funzionale (SPECT) e morfologico (RM, CT), è rivolta a problematiche riguardanti la connessione in rete delle apparecchiature diagnostiche di acquisizione delle immagini e delle stazioni di lavoro dedicate alla loro visualizzazione ed elaborazione. In particolare si occupa dello studio degli standard di codifica delle immagini mediche accettati a livello delle organizzazioni internazionali (DICOM 3.0, Papyrus, Interfile) e dell'implementazione di software di conversione da particolari formati proprietari specifici di quelle apparecchiature di imaging che non sono in grado  di esportare i dati in uno dei formati menzionati.
A partire dal 1995 ha attivato e gestito i Server WWW, Mail, News e FTP  della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Firenze, oltre ad aver coordinato la connessione ad Internet di numerosi Dipartimenti della Facoltà.
Ha progettato, realizzato e gestito i siti Web di alcune strutture della stessa Facoltà quali il sito del Dipartimento di Fisiopatologia Clinica, il sito Web della Facoltà, oltre a siti di società medico-scientifiche quali la Società Italiana di Endocrinologia e la Società Italiana di Alcologia.
A partire dal 1996 ha lavorato alla progettazione e realizzazione di prototipi software per l'impiego del WWW in campo medico. In quell'anno sviluppa un prototipo che consente l’utilizzo remoto di un supercalcolatore massicciamente parallelo (Cray T3D) per la ricostruzione ad alta risoluzione spaziale di tomografie SPECT (Single Photon Emission Computed Tomography) da una postazione localizzata in un qualsiasi centro diagnostico dotato di strumentazione SPECT. Tale realizzazione viene resa disponibile oltre che per l'Università di Firenze, anche per l'Università di Ferrara e per l'Ospedale di Cuneo.
Nel 1997/98 sviluppa altri due prototipi software. Il primo permette ad una qualsiasi Unità di Terapia Intensiva di segnalare tramite il WWW la presenza di un potenziale donatore d’organo al Centro Regionale di Immunogenetica e Biologia dei Trapianti della Regione Toscana. Il secondo prototipo, unendo le tecnologie del WWW con quelle dei data base relazionali, utilizza il WWW per la raccolta di dati per studi multicentrici.
Dal 2002 è coordinatore operativo del progetto E-learning della Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Torna indietro